Vaccinazioni e scuola: tutti i dettagli

Stampa Home
Articolo pubblicato il 24/09/2017 alle ore 07:00.
Vaccinazioni e scuola: tutti i dettagli 2
Vaccinazioni e scuola: tutti i dettagli 2

Il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica dell’ASL NO ha provveduto nei mesi scorsi ad avvisare le famiglie non in regola con gli obblighi vaccinali, tramite lettera contenente la prenotazione delle sedute, la data e l’ora della convocazione.
La comunicazione ricevuta dalle famiglie serve anche come attestato da presentare a Scuola nei termini previsti dal Decreto; firmandola, i genitori esprimono la volontà di aderire all’invito dell’ASL NO.
L’obiettivo è di semplificare il più possibile le procedure per le famiglie e per il mondo della Scuola, attraverso la collaborazione fra gli Uffici Scolastici Territoriali, i Comuni e le AA.SS.LL.
Per saperne di più, rivolgersi il numero verde regionale 800.333.444.

E’ importante sottolineare che per le famiglie i cui figli sono già in regola con le vaccinazioni previste e non hanno ricevuto alcuna comunicazione da parte dell’ASL NO, è sufficiente compilare un’autocertificazione da consegnare a Scuola entro i termini previsti dal Decreto.
Per le scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado (dai 6 ai16 anni di età) la data di consegna dell’autocertificazione alla Scuola è il 31 ottobre 2017.

Il modulo per l’autocertificazione è scaricabile dal sito dell’ASL NO al seguente link:

http://www.asl13.novara.it/intranet/Territorio/Dipartimen/SISP---Ser/Le-vaccina1/Modulistic/Modulo-autocertificazione-per-vaccinati---allegato-2.pdf

Nel sito dell’ASL NO, sia dall’home page che all’indirizzo http://www.asl13.novara.it/intranet/Territorio/Dipartimen/SISP---Ser/Le-vaccina1/index.htm è possibile reperire le informazioni necessarie.

Non è necessario rivolgersi di persona ai Centri di vaccinazione, ma è l’ASL NO ad effettuare automaticamente le prenotazioni per le sedute vaccinali da recuperare, mentre per chi è già in regola è sufficiente l’autocertificazione.

 

 

Tags: vaccini,scuola

Territori

Cronaca

Economia

Sanità