Spaccio nei boschi dell'Ovest Ticino e del Borgomanerese: 6 arresti

Stampa Home
Articolo pubblicato il 19/05/2017 alle ore 14:57.

Spacciavano droga fra i boschi dell'Ovest Ticino, del Borgomanerese e della Bassa Valsesia. Sei uomini di nazionalità marocchina, fra i 29 e i 41 anni, sono stati arrestati nel corso di un'operazione congiunta dei carabinieri di Novara e Arona. L'operazione “Clean wood - Bosco pulito”, inziata nell'estate del 2015, ha portato gli investigatori a scoprire un vasto giro di cocaina, eroina e hashish venduti nelle aree boschive fra Borgomanero, Gattico, Gozzano, Veruno, Fontaneto, Cavaglio d'Agogna e Ghemme. La coca veniva ceduta a 60 euro al grammo, 20 l'eroina e 5 euro per l'hashish.

Le stesse tipologie di stupefacenti hanno portato i carabinieri a indagare nelle aree boschive nei pressi della pista di motocross di Bellinzago e del canale Regina Elena e nei pressi di via Gallarate a Oleggio. Gli arresti sono avvenuti fra Borgomanero, Suno e Cesate (Milano). Uno dei sei indagati era già in carcere a Vercelli, sempre per spaccio. Per gli altri 5 arrestati si sono, invece, aperte le porte del carcere di Novara. Tutti sono risultati clandestini sul territorio nazionale.

Tags: arresti dei carabinieri,market della droga,spaccio

Territori

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica