Inseguimento a 170 km/h di notte nel Vergante

Stampa Home
Articolo pubblicato il 09/05/2017 alle ore 10:46.

Tornavano da un addio al celibato, avevano bevuto molto, e all'alt della pattuglia della polizia stradale di Arona sono scappati. E' succcesso alle 3,15 della notte del 6 maggio. Il primo alt gli agenti, in servizio specifico per la vigilanza stradale e polizia giudiziaria, prevenzione delle stragi del sabato sera, è stato effettuato sullA26, all'altezza della barriera del Lago Maggiore, nel territorio del Comune di Paruzzaro. La vettura, una Ford Fiesta, era appena ripartita dopo aver pagato il pedaggio: il conducente, un 32enne residente a Domodossola, poi risultato positivo all'alcool test con valori di 1.49 e 1.35 grammi per litro, oltre ad avere la patente sospesa per analoga infrazione nel  dicembre 2014, è scappato, dopo la decelerazione in un primo momento. Per un chilometro e mezzo la vettura è stata seguita sull'autostrada dalla pattuglia della stradale, che è riuscita ad affiancare l'auto in fuga, che accennava ad accostare in corsia di emergenza. Auto che però è riuscita a divincolarsi, mettendo a serio repentaglio l'incolumità degli occupanti dell'abitacolo oltre che gli altri automobilisti che in quel momento percorrevano l'autostrada. La Fiesta ha poi imboccato l'uscita di Meina, e l'inseguimento è continuato sulle strade del Vergante, in alcuni tratti anche contromano, e raggiungendo folli velocità di 170 km/h. All'altezza della rotatoria con la Provinciale 34 l'auto in fuga è stata bloccata. Sul sedile del passeggero, gli agenti hanno scoperto esserci il proprietario dell'auto, 30enne, anch'egli residente in Ossola, che è sottoposto all'obbligo di dimora dalle 21 alle 5 di tutti i giorni. Lo stesso veniva segnalato all'autorità giudiziaria, per la violazione degli obblighi di cui all'articolo 75, della legge 159/2011. Il conducente, oltre alla sanzione per la guida in stato di ebbrezza, è stato deferito all'autorità giudiziaria per il reato di resistenza a pubblico ufficiale, e sanzionato amministrativamente ai sensi degfli articoli 218/6 del codice della strada, con l'applicazione accessoria del fermo amministrativo della vettura di tre mesi per la circolazione con la patente sospesa, 141, 143, e 192 del CdS per la velocità non moderata in ore notturne, per aver circolato contromano e per non essersi fermato all'alt. L'auto è stata poi ritirata dalla moglie del proprietario, giunta sul posto successivamente. 

Tags: Paruzzaro,Meina,A26,polizia stradale,auto fugge all`alt,inseguimento

Territori

Cronaca

Economia

Sanità