"Giovani e ambiente": più di un migliaio gli alunni partecipanti

Stampa Home
Articolo pubblicato il 07/04/2017 alle ore 11:37.

Successo senza precedenti per l’ottava edizione di “Giovani e ambiente”. Al concorso, indetto dall’assessorato alle Politiche giovanili del Comune, che ogni anno premia le scuole cittadine per elaborati, ricerche, progetti su temi ambientali: si sono iscritti 14 gruppi, per un totale di 1235 alunni provenienti da 12 scuole cittadine di ogni ordine e grado, dall’asilo nido comunale alla scuola dell’infanzia, alla primaria e alle superiori. Il tema proposto quest’anno ha come titolo: “I frutti della terra: coltiviamoli, consumiamoli, non sprechiamoli”. Gli elaborati e i progetti proposti dai gruppi iscritti vanno dalla coltivazione di un orto a scuola al monitoraggio dell’inquinamento del suolo, dallo studio dell’origine degli alimenti alla lotta allo spreco di cibo. 

Le scuole dell’infanziahanno realizzato orti in giardino, orti in cassetta, orti in città e composter, utilizzando una tecnica peculiare di  semina e coltivazione. 

Le scuole primarie hanno presentato numerosi elaborati che hanno visto protagonisti i bambini coordinati dagli insegnanti. Il tutto all’insegna di un grande spirito di collaborazione. Sono state realizzate aiuole “magiche” attorno a pupazzi/spaventapasseri ed ogni giorno gli alunni si alternano nella cura delle erbe officinali e dei prodotti tipici di un orto biologico. Inoltre è stato realizzato un orto “professionale” col positivo aiuto dei genitori e col coinvolgimento di tante classi. I ragazzi hanno anche interpretato uno spettacolo musicale vestiti da giovanissimi contadini.

La scuola secondaria ha presentato un progetto dal titolo Herbae amicae che consiste in un orto la cui produzione evidenzia la ricchezza che si può derivare dai “frutti della terra”. I ragazzi in classe hanno imparato a conoscere, grazie all’ausilio di esperti, le erbe in natura e la cosmesi naturale. Alcuni di loro, dopo questa esperienza, hanno espresso il desiderio di frequentare l’istituto agrario.

Gli istituti superiori si sono distinti per la realizzazione professionale e per l’originalità dell’approccio affrontando il sistema produttivo vitivinicolo, valorizzando un punto di forza del nostro territorio, analizzando le modalità attraverso le quali il suolo influisce sulle coltivazioni future e sulla bontà o meno del prodotto finale.

Anche i piccolissimi del nido comunale hanno conosciuto la magia delle piccole piante che diventavano grandi, vedendo, toccando e annusando le meraviglie della terra.

“Voglio ringraziare alunni, dirigenti scolastici e insegnanti tutti, per la grande partecipazione ed impegno – dichiara il sindaco Anna Tinivella – sottolineando come tanti genitori e soprattutto nonni, hanno aiutato i nostri bambini e ragazzi a “coltivare” la terra e ad amare i prodotti del suolo”.

 Domenica 9 aprile alle 15 al centro Don Lilla di Santa Cristina verranno esposti e premiati gli elaborati di nido, infanzia e primaria. Sarà una festa per tutti, tra momenti di gioco e bancarelle ricche dei prodotti realizzati.

Tags: borgomanero,scuole,"Giovani e ambiente"

Territori

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità