Amatrice: continua il ponte di solidarietà

Stampa Home
Articolo pubblicato il 25/09/2016 alle ore 12:30.

Ci sono anche due sezioni novaresi dell’Associazione nazionale pubbliche assistenze a prestare assistenza alla popolazione nel campo di accoglienza ad Amatrice. Si tratta della pubblica assistenza di Novara e i volontari dell’Ambulanza del Vergante di Nebbiuno che, assieme ad altre 12 sezioni piemontesi, hanno instaurato un ponte di aiuto e soccorso concreto con il comune laziale. Alcuni di questi volontari partiranno nelle prossime settimane, altri invece hanno terminato il turno di servizio previsto e sono già rientrati a casa con un bagaglio di esperienza umana e formativa determinante per ognuno di loro: «Anpas Piemonte ad Amatrice – spiega il responsabile della Sala operativa regionale e nazionale di Protezione Civile Anpas, Marco Lumello – è presente con i volontari sul campo e ha inviato strutture a supporto delle fasce più deboli della popolazione, bambini e anziani, come quella dell’infanzia protetta nonché la tensostruttura che ricrea un centro di incontro, un luogo di aggregazione dove poter svolgere attività sociali e ricreative, iniziativa questa portata avanti insieme al Centro di Servizi per il Volontariato Vol.To di Torino». Sono attualmente circa 3mila le persone accolte nelle aree di accoglienza e negli alberghi, numero sceso progressivamente dal 5 settembre quando si era registrato il maggior numero di persone accolte, pari a 4.800. Il Capo Dipartimento della Protezione Civile, Fabrizio Curcio ha sottolineato che si sta andando verso la progressiva chiusura dei campi e si sta lavorando, in stretta collaborazione con le Regioni e i Comuni interessati, per dare ai territori soluzioni alloggiative temporanee attraverso la fornitura dei Sae – soluzioni alloggiative di emergenza. A seguito del sisma che ha colpito il Centro Italia Anpas ha attivato una sottoscrizione nazionale per raccogliere fondi da destinare alla ricostruzione delle comunità colpite dal sisma. Anche in occasione di questa emergenza, infatti oltre al soccorso immediato e all’assistenza alle popolazioni colpite, Anpas ha scelto di partecipare alla ricostruzione e di non perdere il legame che sta costruendo in questi giorni con le comunità del Centro Italia. Dario Fo, Bruno Bozzetto, Riccardo Buasco, Sualzo, Ale Giorgini, Chiara Fedele: sono solo alcuni dei 300 artisti che hanno messo le loro opere all’asta per devolvere i fondi al progetto Anpas per Amatrice. ARTerie è un’iniziativa che riunisce fumettisti e illustratori per raccogliere fondi destinati alle vittime del terremoto avvenuto in Centro Italia il 24 agosto 2016. Il progetto, a cui hanno aderito più di 300 professionisti, consiste nella creazione di un’asta di beneficenza online. Ogni artista mette a disposizione una o più delle proprie opere, visibili nel sito http://artquake.altervista.org/ ; ogni compratore contribuisce, con il proprio acquisto, a sostenere i soccorsi e la ricostruzione dei paesi colpiti. L’intero ricavato della raccolta fondi è devoluto ad Anpas, l’Associazione nazionale pubbliche assistenze, che per aiutare le persone colpite dal sisma ha attivato un conto corrente dedicato: Anpas – associazione nazionale pubbliche assistenze, Iban: IT40 D033 5901 6001 0000 0145 550, causale: “Terremoto Italia Centrale” Bic (Per Bonifici Dall’estero): BCITITMX.

Territori

Cronaca

Economia

Sanità