23enne in overdose da droga ricavata dalle feci umane

Stampa Home
Articolo pubblicato il 19/02/2017 alle ore 12:04.

Una 23enne del Lago Maggiore è stata colpita da overdose per avere assunto una droga artigianale, ricavata dalle feci umane. La ragazza è stata portata all'ospedale di Verbania in condizioni critiche. E' stato un amico, che non la vedeva da qualche giorno a dare l'allarme. In casa sua i carabinieri hanno trovato diversi flaconi di jenkem, detta anche “la droga dei poveri”. “Lo Jenkem è un allucinogeno, ricavato da escrementi umani fermentati, diffusosi tra i bambini di strada dello Zambia (Africa), a metà degli anni ’90 – si legge sul sito dell'associazione INdipendenza - Oltre all’effetto allucinogeno, l’inalazione del gas e il suo trattenimento può causare ipossia, mancanza di flusso di ossigeno al corpo, sino al decesso”.

Tags: novara,lago maggiore,Verbania,overdose,droga artigianale,jenkem,allucinogeno

Cultura

Economia

Sanità